Faro

Recensione a cura di Francesco Yggdrasill Fallico

REVIEWS INSANE VOICES LABIRYNTH

magazinerockersandotheranimals

5/14/2022 0 min read

Con un ritardo mostruoso arriva questa mia recensione di “Luminance”, album che segna il ritorno degli abruzzesi Faro, da tantissimi anni presenti nella scena musicale italiana, anche se con all’attivo, oltre a questa release, soltanto l’album “Gemini” pubblicato nel lontano 2011…La proposta musicale, si muove su sentieri, in parte prog, ma che non disdegnano di far venire in mente, in vari passaggi, le atmosfere eteree che hanno contraddistinto gli inglesi Anathema e gli svedesi Opeth a partire dal nuovo millennio. In trentaquattro minuti, la band formata da Rocco De Simone e da Angelo Troiano, è capace di condurci, con il suo suono fresco e genuino, all’interno del suo mondo fatto di romanticismo con tinte dark, senza rischiare di annoiare o di risultare ripetitiva. Apprezzo molto anche il voler inserire all’interno della struttura dei pezzi, dei suoni e dei colori vocali che non ti aspetteresti per una proposta che si muove attraverso le linee di cui vi parlavo prima, ma il duo abruzzese ci stupisce con delle leggere, ma altresì intense, pennellate di doom , come nella lunga, ma non per questo immediata, “Down” o nella successiva “Autumn”. Sono affascinato da questo lavoro, non ve lo nascondo e, ascolto dopo ascolto, sono anche arrivato ad alzare il voto finale, proprio perché ho, sempre più, iniziato a considerare l’album come un viaggio introspettivo, capace di alternare malinconia e voglia di non farsi sopraffare e mi sono immaginato, finalmente con la compagnia giusta, a chiacchierare a ruota libera, di ogni cosa, sorseggiando un buon vino, con questi suoni in rotazione continua in sottofondo, a volume non così tanto soffuso… Non è questo il migliore tra i possibili mondi, parafrasando un vecchio pezzo dei CCCP-Fedeli Alla Linea, ma qui, senza tempo e senza assurde pretese, i Faro possono sicuramente rendere brillante e luminoso un genere che, per definizione stessa, tende sempre alla ricerca e all’evoluzione… La via è rischiarata…adesso è tempo di mettersi in cammino!

Recensione a cura di Francesco Yggdrasill Fallico

80/100